• Home
  • I nostri Maestri e Chef

I nostri Maestri e Chef


Luca Montersino

Luca Montersino è stato Executive Chef, direttore dal 2001 al 2004 presso l’Istituto Superiore Arti Culinarie Etoile, pasticcere, ricercatore di cucina e pasticceria salutistica, consulente di note aziende nel campo della pasticceria, food manager. Pur essendo piuttosto giovane (classe 1973), Luca Montersino ha una grande esperienza professionale alle spalle. Oggi lo vediamo in televisione, in “Peccati di Gola”, “La prova del cuoco”, lo troviamo presso la sua pasticceria e laboratorio ad Alba, (Golosi di Salute), ha il suo locale presso Eataly, più grande centro enogastronomico del mondo, a Torino, Luca Montersino X Eataly e un altro a Tokyo.
Tratto da: https://www.alimentipedia.it/luca-montersino.html


Salvatore Kosta
Tecnologo alimentare e titolare della pizzeria Impa-stili a Nola
Nasce come tecnologo alimentare, e poi trasforma la sua strada passando da consulente per farine e impasti e docente presso Città del gusto Napoli, dove ha un passato docente di Masterclass dedicate agli impasti, oltre ad essere diventato, grazie alla forza di volontà e a un’immensa passione, fino a diventare un pizzaiolo che non smette mai di mettersi discussione.

Nel 2015 ottiene il massimo riconoscimento dal Gambero Rossi con i tre spicchi per la sua attività nella pizzeria Villa Giovanna e poi presso la Grotta del buono ora ha aperto con enorme successo le sue pizzerie Impa-stili 1

Nelle sue pizzerie non si limita a sfornare pizze deliziose ma prepara da solo le sue farine e chiacchiera volentieri con i clienti trasmettendo la sua passione per questa materia e per il prodotto pizza .

Nei suoi locali, aperti con la collaborazione dei fratelli Giuseppe e Agostino Palladino , si possono gustare tre differenti tipologie di pizza
Napoletana: tradizionale con Gusto. Realizzata con farina di tipo 1 non ricostituita.

PizzaInPala: Impasto con farina di tipo 2 non ricostituita. Fragranza e gusto avvolgente e scioglievole gli elementi che la contraddistinguono.
NapCrunch: un salto in avanti nello stile del classico. Napoletana croccante per un’esaltazione del sapore. Una napoletana con il classico cornicione alto ma con una consistenza croccante che lo rende estremamente leggero .

Dopo un passato di docenza dedicata esclusivamente ai professionisti dell’arte bianca il maestro Kosta si apre alla docenza a professionisti solo sulla fine dello scorso anno , avremo quindi la possibilità di essere tra i primi amatoriali a godere di una sua lezione esclusiva .
Il suo carattere semplice e affabile lo rende un docente particolarmente piacevole e regala un punto di forza alle sue lezioni .
Avremo il piacere di ospitarlo con noi il 26 gennaio 2020
In un corso dedicato alla pizza e agli impasti


Mitsuko Takei, capo-pasticcere delle pastry-chef giapponesi, grande appassionata di cucina fin da piccola, preparava onigiri per merenda ai suoi fratelli ed a 14 anni era la cuoca di casa per i giorni di festa in famiglia con piatti rigorosamente tradizionali. Giovanissima, ha iniziato a lavorare al Taillevent-Robuchon, il ristorante francese più famoso di Tokyo ed in pochissimo tempo ne è diventata la vice-direttrice.

Affascinata dalla gastronomia occidentale, fa poi esperienza a Parigi e Montecarlo, prima di arrivare a Roma dove ha lavorato sia come sushi-woman in diverse cucine, sia come insegnante di cucina e pasticceria giapponese in due scuole importanti, prima di essere incaricata dall’Ambasciata del Giappone di preparare dolci nei pranzi ufficiali, spesso e volentieri molto apprezzati anche dal fratello dell’Imperatore.



Elisa Sommariva

La mia esperienza lavorativa è iniziata partecipando al programma televisivo “Bake off Italia”;  dopodiché ho lavorato per un anno come apprendista, nella scuola di pasticceria “Icook” di Luca  Montersino e Francesca Maggio: apprendendo così le basi della pasticceria dolce e salata e  affiancando nei corsi professionali i diversi docenti presenti.

Ho frequentato l’Accademia Professionale di Pasticceria, studiando e facendo da assistente ai  seguenti docenti: Luca Montersino per la pasticceria di base, pasticceria mignon, biscotteria e  pasticceria salutistica; Stefano Laghi per torte moderne, torte classiche e innovative da forno,  semifreddi e torte da cerimonia, Piergiorgio Giorilli per Viennoisoire e i grandi lievitati tra questi  anche il panettone e le colombe, Gianluca Aresu per la realizzazione di sculture in cioccolato e diversi tipi di cioccolatini, Pino Scaringella per la base di gelateria e infine Loretta FanellaLeonardo di Carlo per i dessert da ristorazione.

Dopo in una piccola esperienza in un laboratorio di pasticceria e di gelateria ad Altamura; ho  intrapreso il cammino nel mondo della Pasticceria da Ristorazione lavorando per un anno e mezzo  al Ristorante Gourmet Savini, nell’hotel 5 stelle lusso “Chateau Monfort” e concludendo le mie  esperienze nel ristorante di due stelle michelin “Miramonti l’Altro” con lo chef Philiphe Leveille. In seguito a tutte queste importanti esperienze lavorative, sono ritornata al Savini di Milano come  responsabile di pasticceria sia per la parte della Ristorazione che per la parte di Croissant e  Lievitati, Monoporzioni da banco, Torte e Pasticceria Mignon. Ora, sto lavorando per coronare il mio sogno da sempre: aprire la mia pasticceria che si chiamerà “Ellys”.



Rosella Errante 

Calabrese DOC, ma torinese di adozione, ho lavorato nel settore food fino alla nascita di mia figlia, ma la passione per la cucina ha continuato a segnare la mia vita, grazie al blog dove propongo in particolare ricette in vaso cottura al microonde, una tecnica di cottura che insegno con corsi in tutta Italia. Il mio motto: “In cucina, come nella vita, ci vuole coraggio!”

 

 

 



Marcella Minù Orsi

Pasticciera napoletana, nasce in una famiglia di artisti e si forma come pianista, critico musicale e giornalista, ma al contempo nutre forte la passione per la cucina, e più in particolare per la pasticceria, seguendo corsi di pasticceria professionali, dapprima in Italia, diplomandosi pasticciera professionista all’Efopas di Napoli, e in seguito a Parigi presso “Lenotre”, dove si innamora perdutamente della pasticceria francese e moderna, campo in cui trova la massima espressione della sua creatività.

Comincia a lavorare come Chef pasticciere free lance collaborando con le maggiori wedding planner di Napoli alla realizzazione di sweet table in stile francese e anglosassone, e al contempo comincia anche ad insegnare pasticceria francese nelle scuole di cucina di tutta italia, ed esegue workshop di pasticceria nelle più importanti manifestazioni nazionali di categoria, come il Sigep di Rimini e l’Italian Cake Festival di Milano, per poi approdare a Parma dove dapprima diventa capo pasticcere all’American Cake Factory per poi dedicarsi alla pasticceria da ristorazione, specializzandosi con lo Chef Enrico Brancato e cominciando l’attività di consulente per la realizzazione della carta dei dessert di alcuni ristoranti del parmigiano, tra cui il Bistrò contemporaneo Borgo 20.

La sua idea di pasticceria è improntata sulla ricerca del gusto autentico attraverso lo studio delle tradizioni per arrivare ad una pasticceria moderna equilibrata, consapevole e che non stravolge ingredienti e tecniche allo scopo sensazionalistico, un occhio particolare all’uso della materia prima nel rispetto della stagionalità, e una cura quasi maniacale per l’estetica e il dettaglio.



Alessandro Slama

Alessandro Slama, maestro panificatore, nasce ad Ischia, e fin da piccolo apprende l’arte dei lievitati e del lievito madre. La passione per questo mestiere lo spinge a viaggiare, acquistando molte abilità e capacità e diventando tecnico e maestro per alcune scuole e aziende.
Partecipa inoltre a molti corsi affiancando importanti Maestri, dai quali apprende nuove tecniche e metodologie. Nel 2011 vince il primo premio per il Dolce da forno alla manifestazione Sigep Bread Cup a Rimini.
Nel 2004 nasce Ischia Pane, punto storico dell’isola. Nel 2015 apre, sempre ad Ischia, un nuovo punto vendita, dove vince sempre la regola del lievito madre ma con un tocco d’innovazione.
Durante la 41esima edizione di Host a Milano, è stato incoronato vincitore del “Panettone World Championship”



Roberto Pennino

Roberto Pennino, fin da piccolo con le idee chiare, Roberto consegue il diploma in alberghiero, e approfondisce le sue conoscenze in ambito culinario con percorsi di alta formazione come le “Petits Four” presso l’Ecole Gastronomique de Paris Bellouet Conseil.
Nei primi anni del 2000 capisce che la sua vera passione è la Pasticceria, e consegue più di 10 Medaglie per la bravura dimostrata: Medaglia d’oro alle Olimpiadi tedesche Erfut Ika Olimpiade Der Koche; Medaglia d’oro all’internazionale di Italia, e nell’occasione consegue il titolo di Campione Nazionale nell’Artistico Individuale. Si contraddistingue, oltre che per la sua indiscutibile bravura, per l’umiltà e la passione con cui forma i Futuri Pasticceri.



Salvo Leanza

Salvo Leanza Chef pasticcere muove i suoi primi passi in ambito professionale nell’azienda famigliare, tra gelati, granite e i noti dolci siciliani, dove cresce tra i sapori e i profumi della mandorla, della ricotta, degli agrumi.

Lavora nelle più note pasticcerie Siciliane approfondendo il mestiere e, mosso da un bisogno di accrescere la propria professionalità, si trasferisce a Roma dove, nel 1993, la conoscenza dello Chef Mauro Mafrici dell’Hotel Hassler che segna la sua svolta professionale.

Quest’ultimo lo porta con sé all’Harris Bar di Roma, quindi al Felidia di Lidia Bastianic a New York. Al rientro in Italia vive altre esperienze formative, segue corsi ed esegue stage presso importanti scuole di pasticceria, L’étoile, Cast Alimenti

Lavora all’Hotel Hassler, al Cafè de Paris, alla Casina Valadier in occasione della sua riapertura, presso la Pasticceria Mondi, il Gruppo Vanni, Cristalli di Zucchero, e cura l’apertura della gelateria Vice alla quale fa ottenere il riconoscimento da parte del Gambero Rosso come “gelateria innovativa”. Rosticcerì Catering e svariate aperture di Street food

Dal 1998 al 2018 è consulente e docente di gelateria, pasticceria, pasticceria da ristorazione e alberghiera, Street food.

È chiamato a partecipare al Festival di Cucina Italiana in Arabia Saudita, all’Imperial Hotel e al Prinses Hotel in Giappone quale dimostratore di pasticceria italiana. Attualmente è responsabile del consulting – catering – school Salvo Leanza e Chef alle Casette di campagna



Gianni Catani

Mi chiamo Gianni Catani, ho 53 anni e da circa trentacinque sono appassionato di cultura della cucina cinese. Questa passione col tempo è diventata studio, ricerca, esperienza, competenza. Ho iniziato da solo, leggendo libri di ricette cinesi in tutte le lingue (possiedo oltre 300 libri di cucina cinese!). Ho fatto pratica nei vari ristoranti che col tempo hanno aperto a Roma, affiancandomi agli chef cinesi più riconosciuti nella comunità italiana e grazie a loro ho imparato la vera cucina cinese. Ho viaggiato in Cina e ho cucinato in molte delle loro cucine, documentando ricette, tecniche e metodologie di molte regioni della Cina. Ho fatto uno stage di tre anni nella cucina di uno dei più noti ristoranti di cucina cinese regionale a Roma cucinando al fianco di un grande chef (Jing Shan), che mi ha dato la possibilità di mettere in pratica tutte le nozioni acquisite. Attualmente svolgo attività di formazione presso le più importanti scuole di Roma (Gambero Rosso, A tavola con lo chef, etc.). Organizzo serate di Cooking Show ed eventi in qualità di chef, sulla cucina cinese regionale presso ristoranti del centro di Roma.
Per dare forma e custodire l’esperienza raccolta nel tempo, nel 2012 decido di lanciare cinaincucina, portale dedicato alla vera cucina cinese, dove gli utenti possono fruire di video-ricette, video tutorial, video tour virtuali in Cina e molte collaborazioni con amici cinesi che raccontano settimanalmente le loro esperienze gastronomiche in Cina. Con una media di 30.000 pagine lette al mese e quasi 10.000 “mi piace” su Facebook, cinaincucina è diventato un punto di riferimento in Italia sulla cultura della cucina cinese.
Nel 2017 apro la prima “ravioleria cinese” della capitale (Dumpling Bar) che diventa prestissimo un punto di riferimento per tutti gli amanti della cucina cinese.
Dopo un anno apro il primo Lamian Bar di Roma (spaghetti tirati a mano come vengono fatti nel Nord della Cina).
Continuo a tenere corsi di cucina cinese regionale



Ezio Rocchi

Genovese, classe 1966, Ezio Rocchi entra nel mondo della panificazione fin da giovane, facendo la gavetta nel panificio di famiglia e poi nella famosa pasticceria Senno di Chiavari per apprendere tutti i segreti di quella nobile arte.

Nel 1995 è già pronto per acquistare il suo primo panificio, lo Spiga d’Oro di Riva Trigoso, che gestisce così sapientemente da triplicarne il fatturato in soli 3 anni. In quegli anni, decide di frequentare corsi di marketing e comunicazione che, nel 2005, lo portano a fondare una scuola di comunicazione insieme ad altri colleghi. Lo stesso anno, apre un nuovo Spiga d’Oro, questa volta nel centro di Sestri Levante: un locale con laboratorio specializzato nella tipica focaccia genovese.

Il successo è tale che, nel 2010 decide di concentrarsi solo sul secondo negozio. Una scelta indovinata perché, da rivendita, lo Spiga d’Oro di Sestri si trasforma in una piccola azienda capace di produrre, ogni giorno, 250 kg di focaccia tipica genovese e altrettanti di pane. Per raggiungere questo risultato, Ezio adotta nuove strategie di produzione lavorando su biga e lievito madre.

Nel 2011, frequenta i corsi di Piergiorgio Giorilli presso Molino Grassi, diventa suo assistente e decide di intraprendere la professione di formatore. Nel 2012 arriva la svolta definitiva: vende anche il negozio di Sestri per diventare esclusivamente manager, nella duplice veste di formatore e consulente aziendale